Provincia di Lucca

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

Vista del Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Vista lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Vista di una vetta delle Alpi Apuane
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Vista frontale esterna di Villa Torrigiani a Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Vista Esterna Villa Argentina a Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Vista della  Quercia secolare delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Vista Frontale del Palazzo Ducale a Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Vista Giardino Convento di San Francesco a Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Vista notturna Ponte del Rivangaio illuminato
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / ECONOMIA E TERRITORIO: LE SFIDE FUTURE DEL SETTORE AGROALIMENTARE

ECONOMIA E TERRITORIO: LE SFIDE FUTURE DEL SETTORE AGROALIMENTARE

Martedì, 15 Marzo, 2022
Tipologia: 
News

Coesione tra i Paesi dell’Unione Europea per una politica agricola comune che punti anche ad un’autosufficienza degli approvvigionamenti soprattutto per quanto riguarda i cereali; la difesa dei prodotti di eccellenza Made in Italy non in senso protezionistico, ma per la tutela della qualità cercando di mantenere alti i volumi dell’export italiano; un impegno comune di tutti i livelli istituzionali per sostenere le aziende del settore agroalimentare sotto il profilo energetico e degli aiuti alle produzioni agricole; l’importanza, a livello locale, della nascita del Distretto rurale della Piana di Lucca.

Sono questi alcuni degli obiettivi emersi sabato 12 marzo a Palazzo Ducale, a Lucca, nel corso del convegno “La nuova politica agricola 2023-2027 – sfide e opportunità per la Provincia di Lucca” promosso dall'amministrazione provinciale con il patrocinio del Parlamento Europeo che ha visto la presenza, tra gli altri, dell’eurodeputato Daniela Rondinelli, parlamentare della commissione Agri dell’UE.

Il presidente Menesini ha sottolineato quelle che rappresentano le prossime sfide del comparto che spaziano dalla nuova PAC alle linee di finanziamento regionali e soprattutto europee come nel caso del Pnrr, il Piano di ripresa e resilienza varato dal Governo. “In un contesto di economia globale – ha detto – occorre sempre guardare oltre i nostri confini e pensare veramente ad una politica comune europea in campo agroalimentare sotto il profilo delle strategie e della pianificazione, ma anche i Comuni del territorio possono giocare un ruolo fondamentale per lo sviluppo del settore agricolo, la tutela delle produzioni e di una tradizione che in Lucchesia è molto forte e radicata nonché un peso considerevole in alcuni ambiti specifici come quello dell'olio, del vino, dell'orticoltura e del florovivaismo”.

L’on. Daniela Rondinelli ha sottolineato che il modello agroalimentare italiano è incomparabile rispetto agli altri in Europa: “in Italia – ha puntualizzato - abbiamo la cultura, la tradizione, la classe imprenditoriale, una natura benevola, in grado di innescare un processo di crescita. Alcuni hanno cercato di depotenziare il modello made in Italy. Decisivi saranno il Pnrr e la necessità di valutare l’impatto delle nostre iniziative sulla capacità di rendere più efficiente dal punto di vista energetico il settore agricolo sfruttando la tecnologia quale elemento di rottura per conciliare produzione sostenibile e vincoli contrari all’agricoltura intensiva”.

E se il presidente provinciale di Coldiretti Lucca Andrea Elmi ha ricordato l’attività dell’associazione a sostegno delle Pmi del settore e il successo dell’iniziativa ‘Campagna Amica’ che ha aiutato a sostenere molti agricoltori, il presidente della CIA Toscana Nord Alberto Focacci non ha nascosto preoccupazioni per la nuova PAC.

“La nuova Pac sarà pressoché dimezzata e questo avrà un forte e drammatico impatto sul comparto agricolo che già non sta vivendo un momento florido. Numerosi agricoltori non arriveranno alla soglia del pagamento e, quindi, avranno una drastica diminuzione dei fondi a disposizione; cosa questa che rischia di mettere in ginocchio il settore, più di quanto già non sia”.

Chiara Martini, assessore alle attività produttive e allo sviluppo economico del Comune di Lucca, ha sottolineato l’importanza di costituire un distretto rurale della Piana di Lucca per valorizzare i prodotti tipici come il vino, l'olio, la coltivazione dei legumi e supportare la crescita economica del settore agricolo. “La sfida è consegnare quanto prima alla Regione Toscana l'accordo e il progetto del distretto per ottenere il riconoscimento. La costituzione del distretto rurale della Piana di Lucca – ha aggiunto Martini - è una grande opportunità sia in termini economici che in termini di cura del paesaggio, nonché di promozione turistica”.

Ilaria Bugetti, presidente della Commissione agricoltura del Consiglio regionale della Toscana, ha dichiarato quanto “il peso e il passo delle politiche UE stiano cambiando e cambieranno nel settore agricolo. La Regione Toscana ha raggiunto obiettivi importanti grazie a finanziamenti strutturali e finanziamenti europei; negli ultimi anni sono diminuite le aziende del comparto in Toscana ma la produzione ha mantenuti i livelli precedenti e buoni risultati hanno dato i bandi emessi dalla Regione per favorire l’attività dei giovani imprenditori agricoli”.

ultima modifica: 15/03/2022 - 16:54