Provincia di Lucca

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

Vista del Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Vista lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Vista di una vetta delle Alpi Apuane
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Vista frontale esterna di Villa Torrigiani a Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Vista Esterna Villa Argentina a Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Vista della  Quercia secolare delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Vista Frontale del Palazzo Ducale a Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Vista Giardino Convento di San Francesco a Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Vista notturna Ponte del Rivangaio illuminato
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / GIOVANI - SCUOLA - FAMIGLIA: mercoledì 9 maggio il prof. Galimberti a Palazzo Ducale per l'incontro "La Parola ai giovani"

GIOVANI - SCUOLA - FAMIGLIA: mercoledì 9 maggio il prof. Galimberti a Palazzo Ducale per l'incontro "La Parola ai giovani"

Venerdì, 4 Maggio, 2018
Tipologia: 
News
Tema: 

Le problematiche dei giovani, il ruolo dei docenti, della scuola, dei genitori nell'approccio educativo e come si rapportano gli uni con gli altri.
Di questo e molto altro si parlerà mercoledì 9 maggio, a Palazzo Ducale (sala Tobino), alle 9.15, nel corso della conferenza intitolata “La Parola ai Giovani” tenuta dal noto filosofo e psicoterapeuta, nonché collaboratore di Repubblica Umberto Galimberti. 

L'incontro – rivolto agli studenti del territorio ma aperto a coloro che sono interessati alle tematiche trattate - è promosso dalla Provincia e dal Comune di Lucca, dall'Associazione di promozione sociale Oikos, dal Cantiere Giovani, dal Centro territoriale per l'inclusione c/o ISI "N. Machiavelli".

"Ai giovani - dice Galimberti in un'intervista su Orizzonte Scuola - vorrei dire una cosa. Non dimenticate che il futuro è vostro, è nelle vostre mani. Non dovete chiedere a noi grandi cosa fare. Certo, vi trovate in una società veramente scadente...Non so quali siano le strategie, però non dimenticate che il futuro è vostro. Questa forza la dovete interiorizzare psicologicamente, non è una situazione di passività:il futuro dovete farlo vostro e spero che sappiate operare le scelte giuste. Ma conoscere è la base per scegliere, perché, se non so niente, scelgo a caso: la conoscenza è la condizione per scegliere e i più colti sono anche i più liberi. In ogni caso la conoscenza è la prima condizione per la libertà: non si è liberi se non si ha conoscenza".

E' in questa direzione che le attività dei promotori si muovono, offrendo agli adolescenti e ai giovani opportunità di formazione, di educazione e di aggregazione, nei contesti più disparati, così come disparati sono i luoghi in cui i giovani agiscono.

L'incontro con Umberto Galimberti servirà anche per capire come possano essere sviluppati i progetti come quello del 'Cantiere', promosso dalla Provincia di Lucca o i Club Job di Oikos congiuntamente al Comune di Lucca e alla Conferenza dei Sindaci della Piana di Lucca, così come le tante iniziative promosse dalle scuole, in modo da risultare più incisivi nel colmare quel vuoto interiore che i giovani sembrano portarsi dietro senza trovare niente per riempirlo di aspettative, valori, prospettive di impegno. 

Quel vuoto di futuro che, dice Galimberti: “è sintomo di mancanza di scopo; mancanza di risposte ai perché; svalutazione di tutti i valori. Sebbene la storia vada avanti grazie alla svalutazione di alcuni valori e alla rivalutazione di altri, il futuro non è più percepito come una promessa, ma come una minaccia, è imprevedibile. I giovani si chiedono: perché mi devo impegnare? Perché mi devo dare da fare se il futuro non mi promette niente?”.

 

Il prof. Umberto Galimberti