Provincia di Lucca

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

Vista del Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Vista lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Vista di una vetta delle Alpi Apuane
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Vista frontale esterna di Villa Torrigiani a Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Vista Esterna Villa Argentina a Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Vista della  Quercia secolare delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Vista Frontale del Palazzo Ducale a Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Vista Giardino Convento di San Francesco a Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Vista notturna Ponte del Rivangaio illuminato
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / SCUOLE: Dal 3 gennaio al via il bando per la realizzazione della nuova palestra alla ex Cavallerizza di Lucca

SCUOLE: Dal 3 gennaio al via il bando per la realizzazione della nuova palestra alla ex Cavallerizza di Lucca

Immagine del Presidente della Provincia di Lucca
Giovedì, 2 Gennaio, 2020
Tipologia: 
News

Entra nella fase operativa il progetto della realizzazione nuova palestra nella ex Cavallerizza Ducale, adiacente al Real Collegio, in via della Cavallerizza, appunto. A seguito dell’approvazione del progetto esecutivo, domani (3 gennaio) viene pubblicato il bando rivolto alle imprese, per la realizzazione di tale progetto e ci sarà tempo fino al 30 gennaio per presentare l’offerta tecnica, mentre l’aggiudicazione è prevista per l’11 febbraio.

«Ritengo – commenta il presidente della Provincia, Luca Menesini – che la realizzazione di questa struttura che va a recuperare un edificio storico lucchese, sia di grande importanza per la vita stessa della città, andando, in questo modo, a centrare due obiettivi secondo me prioritari: rispondere all’esigenza di uno spazio dove fare sport per gli istituti secondari del centro storico, ma, al tempo stesso, quella non meno importante di una struttura sportiva all’avanguardia a disposizione della città nelle ore in cui non è impegnata dagli studenti. Un concreto arricchimento per Lucca, di cui veramente tutti potranno beneficiare e sono molto soddisfatto che le scadenze che ci eravamo dati vengano rispettate».

Un incontro per presentare il progetto – Il 9 gennaio, a partire dalle 15, Palazzo Ducale ospita un incontro aperto a chi voglia approfondire non solo il progetto, ma anche gli aspetti tecnici del bando di gara. Un momento di confronto con i progettisti, finalizzato a chiarirne ogni suo aspetto.

Il progetto – La Provincia di Lucca sta lavorando affinché la struttura della ex Cavallerizza divenga un impianto sportivo a disposizione delle scuole medie superiori lucchesi. Un recupero che impegna l’Ente per 2 milioni e 50mila euro, di cui 1 milione e 87mila euro provenienti dal Miur e 960mila dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. L’edificio – che ha una superficie di circa 830 metri quadri – sarà completamente ristrutturato e vi verrà realizzata una struttura che prevede una palestra principale (con campo da gioco per pallavolo e basket) e uno spazio più piccolo, dotato di attrezzature. Vi saranno, inoltre, spogliatoi sia al piano terreno, sia a quello superiore, collegati con scale e ascensore. L’intervento è stato pensato per salvaguardare la morfologia storica dell’edificio, che, però, saranno adeguate alle funzioni alle quali l’edificio sarà destinato. L’accesso è stato previsto sulla parte della piccola piazza su via della Cavallerizza: questo consentirà un ingresso e un’uscita degli utenti in totale sicurezza. La copertura dell’edificio, infine, sarà completamente ricostruita sul modello originario e, cioè, in legno e tegole in cotto.