Provincia di Lucca

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

Vista del Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Ponte della Maddalena - Borgo a Mozzano
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Vista lago della Gherardesca - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Lago della Gherardesca - Capannori
Vista di una vetta delle Alpi Apuane
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Alpi Apuane - Ph: Elia Pegollo
Vista frontale esterna di Villa Torrigiani a Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Torrigiani - Capannori
Vista Esterna Villa Argentina a Viareggio
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Villa Argentina - Viareggio
Vista della  Quercia secolare delle Streghe - Capannori
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Quercia delle Streghe - Capannori
Vista Frontale del Palazzo Ducale a Lucca
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Palazzo Ducale - Lucca
Vista Giardino Convento di San Francesco a Pietrasanta
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Convento di San Francesco - Pietrasanta
Vista notturna Ponte del Rivangaio illuminato
Sito Istituzionale Provincia di Lucca
Ponte del Rivangaio
Home / News / VILLA ARGENTINA - Mercoledì 29 omaggio alla figura di Jella Lepman

VILLA ARGENTINA - Mercoledì 29 omaggio alla figura di Jella Lepman

Lunedì, 27 Gennaio, 2020
Tipologia: 
Comunicato stampa

Il sogno di Jella – Omaggio a Jella Lepman’ è l’appuntamento del 29 gennaio, alle 17, nell’ambito della rassegna ‘Di Mercoledì a Villa Argentina, organizzato, in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea. Inserito nel calendario delle celebrazioni del Giorno della Memoria e del Giorno del Ricordo, vedrà Silvia Angelini e Mimma Bondioli (Isrec Lucca) ricordare la figura di Jella Lepman a 50 anni dalla sua scomparsa.

Jella Lepman (Stoccarda, 15 maggio 1891 – Zurigo, 14 ottobre 1970), crebbe a Stoccarda con la sua famiglia di origine ebraica, fino a quando non dovette emigrare in Gran Bretagna, nel 1936, per sfuggire alle persecuzioni naziste. Qui lavorò come giornalista per la Bbc e per Absie (American Broadcasting Station in Europe). Nel 1945 le fu proposto dal governo statunitense di coordinare un programma di assistenza alle donne e bambini tedeschi: dopo un’iniziale esitazione, accettò l’incarico. Dapprima trascorse un periodo a Bad Homburg, poi a Monaco di Baviera: era persuasa che la ricostruzione della Germania e la rinascita culturale dovesse prendere le mosse dai bambini, educandoli alla mondialità, alla pace e alla fratellanza.

«Poco a poco facciamo in modo di mettere questo mondo sottosopra nuovamente nel verso giusto, cominciando dai bambini. Mostreranno agli adulti la via da percorrere»: la sua opera può – forse – essere sintetizzata da questa sua citazione.

Silvia Angelini e Mimma Bondioli parleranno di Jella Lepman, tracciandone un ritratto anche attraverso la presentazione di alcuni libri: ‘Una rivoluzione di Carta’ di Gigliola Alvisi (Piemme); ‘La città che sussurrò’ di Jennifer Elvgren (Giuntina); ‘Papà Weidt, l’uomo che tenne testa ai nazisti’ di Inge Deutshkron e Lukas Ruegenberg (Istoreco); ‘La guerra di Catherine’ di Julila Billet e Cluaire Fauvel (Mondadori).

 

Per informazioni : Tel. 0584-1647600

Villa Argentina, via Fratti angolo via Vespucci, Viareggio

e.mail: musei@provincia.lucca.it