Provincia di Lucca

 

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

mani che tengono degli omini di carta ritagliata a fisarmonica
segnalini di plastica colorati su uno schema disegnato
Foto di Rita Levi di Montalcini con una sua massima
Home / Pari Opportunità / Progetto SPRAR

Progetto SPRAR

In seguito all’entrata in vigore della convenzione di Dublino 1997, l’Italia ha visto aumentare considerevolmente il numero delle domande di asilo politico e dei rifugiati a cui dare accoglienza, causando un aumento dei tempi di attesa da parte dei rifugiati, privi di aiuto economico e della possibilità di lavorare, con pesanti conseguenze quali l’esclusione sociale nonché la mancanza di qualunque mezzo di sostentamento per se stessi e per le loro famiglie.

Uno degli obiettivi di questa Provincia è quello di promuovere la non discriminazione, la coesione e l’inclusione sociale.

Dall’anno 2006 la Provincia di Lucca è partner nel Progetto “Sistema di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati”, e dall’anno 2008 questa Provincia è capofila del progetto stesso.
A tal fine, questa Provincia ha inteso accedere ai finanziamenti del Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo (SPRAR), anche per gli anni 2017, 2018 e 2019, attraverso la presentazione della domanda di prosecuzione di un progetto che ha costituito con apposito parternariato con gli Enti Locali e le Aziende USL del territorio provinciale. 

Per proseguire il progetto nelle annualità 2017, 2018 e 2019 era necessario individuare un soggetto con pluriennale consecutiva esperienza nella presa in carico di richiedenti/titolari di protezione internazionale comprovata da attività e servizi in essere al momento della presentazione della domanda che si sarebbe dovuto occupare della organizzazione e gestione dei servizi di accoglienza, integrazione e tutela rivolta ai richiedenti asilo, rifugiati e umanitari (R.A.R.U.) e tramite una procedura di selezione ad evidenza pubblica è stato selezionato APS ARCI Comitato Regionale Toscano.

L'Associazione Arci Comitato Regionale Toscano si impegna a garantire in continuità con il passato la tipologia di servizio.
Le attività previste sono:

  • A) Servizi di accoglienza
    • A1) strutture di accoglienza:
      • reperimento, organizzazione e gestione degli alloggi adibiti all’accoglienza dei beneficiari;
    • A.2) condizioni materiali di accoglienza:
      • vitto, vestiario e biancheria, pocket money mensile;
      • realizzazione di attività di accompagnamento sociale, finalizzate alla conoscenza del territorio e all'effettivo accesso ai servizi locali, fra i quali l'assistenza socio-sanitaria.
  • B) Servizi di integrazione
    • B.1) formazione e inserimento lavorativo:
      • accesso e frequenza ai corsi di lingua italiana;
      • facilitare l’accesso all’istruzione scolastica e universitaria;
      • rivalutazione del background dei beneficiari ed identificazione delle aspettative;
      • orientamento e accompagnamento alla formazione e riqualificazione professionale;
      • orientamento ai servizi per l’impiego e accompagnamento all’inserimento lavorativo;
    • B.2) ricerca di soluzioni abitative:
      • azioni di promozione e supporto nella ricerca di soluzioni abitative autonome;
    • B.3) strumenti di inclusione sociale:
      • realizzazione di attività di animazione socio-culturale;
      • consolidamento della rete territoriale di sostegno al progetto.
  • C) Servizi di tutela
    • C.1) tutela legale
      • orientamento e accompagnamento alle procedure di protezione internazionale;
      • orientamento e informazione legale sulla normativa italiana ed europea in materia di asilo;
      • orientamento e informazione legale sulla normativa italiana in materia di immigrazione;
      • informazione sulla normativa italiana in materia di ricongiungimento familiare nonché supporto e assistenza nell’espletamento della procedura;
      • orientamento e accompagnamento in materia di procedure burocratico-amministrative.
    • C.2) tutela psico-socio-sanitaria
      • attivazione di supporto sanitario specialistico, laddove necessario;
      • attivazione sostegno psico-sociale sulla base delle specifiche esigenze dei beneficiari;
      • orientamento, informazione e accompagnamento in materia di protezione sociale e previdenza;
    • C.3) mediazione linguistico-culturale
      • attività finalizzate a rimuovere gli ostacoli di natura burocratica, linguistica e sociale;
      • facilitazione dei percorsi di inserimento lavorativo, alloggiativo e socio-culturale;
      • facilitazione nell’espletamento dei servizi di tutela.
  • D) Attività di sensibilizzazione
    •  D.1) Attività di sensibilizzazione, animazione socio-culturale e produzione di materiale informativo
    • Per informazioni :
      Liliana Barone
      Tel 0583 417773
      centro.po@provincia.lucca.it