Provincia di Lucca

 

 

Social

Visita la pagina ufficiale Twitter della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale YouTube della provincia di Lucca Visita la pagina ufficiale Facebook della provincia di Lucca 

bandiera europea e cartina europea
bandiera europea
Home / Servizio Europa di Area Vasta / Bandi e opportunità di finanziamento

Bandi e opportunità di finanziamento

Il Servizio di allerta bandi

Il Servizio di allerta prevede la pubblicazione di tutti i bandi e le opportunità di finanziamento riferite ai programmi operativi regionali e/o nazionali e al nuovo Piano Nazionale Ripresa e Resilienza . E’ possibile selezionare i bandi di finanziamento scegliendo la tematica di interesse oppure digitando qui di seguito, nel relativo campo di ricerca, il titolo o una singola parola dell’avviso.
Per ciascun bando viene preparata una scheda di sintesi che contiene gli specifici link di collegamento del bando e degli eventuali allegati.

Tutti i bandi in corso

Bandi Europei
Aree interne, montane e insulari: contributi per progetti di economia collaborativa Scadenza 31/12/2022

Programma: Programmi Operativi Regionali
Tematiche: Digitalizzazione, Cultura e turismo, Altro
Data bando: 19/10/2022
Data di scadenza: 31/12/2022

La Regione Toscana con decreto 17806 del 2 settembre 2022 ha approvato il bando
per il sostegno all'innovazione digitale nelle aree interne, montane e insulari (allegato 1 del decreto), al fine di sostenere, attraverso agevolazioni sotto forma di contributi a fondo perduto in conto capitale,  la realizzazione di progetti di economia collaborativa che si sviluppino attraverso l’innovazione digitale nelle aree interne, montane ed insulari soggette a spopolamento, contribuendo alla nascita e consolidamento di realtà imprenditoriali.

Finalità

Il bando punta a sostenere con contributi a fondo perduto per realizzare forme di economia collaborativa, intesa come possibilità di fruizione condivisa di servizi che a loro volta devono consentire di ottenere i seguenti obiettivi nei territori in cui sono localizzati i soggetti richiedenti:

ripopolamento per attrazione di nomadi digitali e smart workers;

ripopolamento per insediamento di nuove imprese;

incremento del livello e contenuto di innovazione della attività economiche nel Comune interessato dal progetto

Destinatari / beneficiari del bando

Possono presentare domanda di contributo:

Micro, piccole e medie imprese così come definite dall’allegato I del Reg.  (UE) n. 651/2014 aventi sede ubicata nel territorio regionale
 

Altri soggetti titolari di partita Iva ed iscritti al Repertorio economico amministrativo (Rea)
 

RTI/ATS, Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Consorzi, Società consortili compresi gli organismi di gestione dei Centri commerciali naturali (CCN) previsti dall’art. 111 della legge regionale 62/2018 “Codice del Commercio”.

Non sono ammesse domande da parte di soggetti già beneficiari di contributi a valere sul "bando 2022 Contributi per le cooperative di comunità" attuativo della linea 3.1.1.a4 del Por Fesr 2014-2020 ed approvato con decreto 4080 del primo marzo 2022, tranne nel caso in cui sia stata presentata domanda di saldo.

I soggetti richiedenti  devono inoltre avere sede legale e/o operativa nel territorio della Toscana  (vedi paragrafo 2.2 punto 2 del bando ) e nello specifico in:

area montana che rientra nell’elenco previsto dall’allegato B Territori montani della legge regionale 68 del 27 dicembre 2011 Norme sul sistema delle autonomie locali;

oppure

in area interna o a rischio di spopolamento che rientra nell’allegato 1 alla delibera Consiglio regionale 2 del 15 gennaio  2019, progetto 3 punto 5 e/o nell’allegato A alla delibera di giunta 199 del 28 febbraio 2022, oppure
 

comuni insulari

Scadenza e presentazione domanda

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 14,00 del 26 settembre 2022.
La domanda è soggetta al pagamento dell'imposta di bollo pari a euro 16,00. Tale adempimento viene assolto mediante versamento a intermediario convenzionato con l'Agenzia delle Entrate, che rilascia la marca dotata di numero di identificazione da indicare nel la domanda di aiuto. L’applicazione della marca da bollo sulla domanda di aiuto deve essere effettuata inserendo il numero e la data nell’apposito campo della scheda"Dati di domanda" presente sul sistema.
La domanda di agevolazione, redatta in lingua italiana, è presentata esclusivamente on line, tramite Spid, Cie, Cns sul portale di Sviluppo Toscana s.p.a.,  https://accessosicuro.sviluppo.toscana.it/ secondo   le indicazioni fornite in allegato C del bando.
La domanda consiste nel documento in formato pdf, generato automaticamente dal sistema informatico di Sviluppo   Toscana   S.p.A.   nel   momento   conclusivo   della   compilazione,   comprensivo   di   tutte   le dichiarazioni/schede   presenti   online,   e   di   tutti   gli   eventuali   ulteriori   documenti   che   i   soggetti destinatari/beneficiari intendono allegare, firmato  digitalmente  da parte del legale rappresentante del soggetto destinatario/beneficiario, rientrante tra i soggetti indicati al paragrafo 2.1 del bando, o dalla persona fisica che presenta domanda per la cooperativa da costituire, e completo di tutti i documenti
obbligatori descritti all’interno del paragrafo 4.3 del bando e conformi, nei contenuti e nelle modalità, alle indicazioni previste.

avviso:

Bandi Europei
Information measures for the EU Cohesion policy (IMREG) Call for proposals Support for information measures relating to the EU Cohesion policy for 2022 (IMREG-2022-INFOME) Scadenza 10/01/2023

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Digitalizzazione, Cultura e turismo, Altro
Data bando: 18/10/2022
Data di scadenza: 10/01/2023

 Commissione europea (DG REGIO) ha pubblicato il bando 2022 per il sostegno a misure di informazione sulla politica di coesione dell’UE. L'obiettivo del bando è fornire sostegno alla produzione e diffusione di informazioni e contenuti relativi alla politica di coesione dell’UE, incluso anche il Fondo per la transizione giusta, il Piano di ripresa per l’Europa o lo Strumento di sostegno tecnico.

Le proposte da candidare dovrebbero offrire informazioni coerenti, obiettive e complete. Le proposte dovrebbero illustrare e valutare il ruolo della politica di coesione nel realizzare le priorità politiche dell'UE e nell'affrontare le sfide attuali e future che impegnano l'Unione, gli Stati membri, le regioni e le amministrazioni locali.

Le misure di informazione dovrebbero comprendere una o più delle seguenti attività:
- produzione e distribuzione di materiale cartaceo, multimediale o audiovisivo,
- attività di sensibilizzazione sul web e sui social media,
- eventi mediatici,
- seminari, conferenze, workshop

Destinatari delle misure di informazione sono:
- il pubblico in generale. L’obiettivo è sensibilizzare gli europei che non sono consapevoli dell’azione dell'UE nella loro regione sui risultati della politica di coesione e il suo impatto sulla vita dei cittadini. L'informazione dovrebbe puntare ad aumentare la comprensione del contributo della politica di coesione alla promozione dell'occupazione e della crescita in Europa e alla riduzione delle disparità tra territori.
- gli stakeholder. L'obiettivo è coinvolgere gli stakeholder (incluso autorità nazionali, regionali e locali, beneficiari, imprese, mondo accademico) per comunicare l'impatto della politica di coesione sulle loro regioni e alimentare il dibattito sul futuro di tale politica e, più in generale, sul futuro dell'Europa.

I progetti devono avere una durata di 12 mesi (indicativamente con inizio nell’autunno 2023).

Possono presentare proposte persone giuridiche, pubbliche e private, stabilite in uno dei Paesi UE (compreso PTOM), escluso gli enti incaricati dell’attuazione della politica di coesione a norma dell’art. 71 del Reg. (UE) n. 2021/1060 (Autorità di gestione o di audit).

Il bando dispone di un budget di 7.000.000 €. Per ciascun progetto la sovvenzione UE potrà coprire fino all’80% dei costi ammissibili per un massimo di 300.000 €.

La scadenza per presentare proposte è il 10 gennaio 2023, ore 17.00 (CET).

 

avviso:

Bandi Europei
niziativa Urbana Europea – Azioni Innovative - Primo invito a presentare proposte Scadenza 19/01/2023

Programma: UIA - Urban Innovative Actions
Tematiche: Innovazione e Sviluppo economico, Cultura e turismo, Altro
Data bando: 25/10/2022
Data di scadenza: 19/01/2023

E’ aperto fino al 19 gennaio 2023 il primo bando lanciato nel quadro dell’Iniziativa Urbana Europea (European Urban Initiative – EUI), la nuova iniziativa UE a sostegno dello sviluppo urbano sostenibile, finanziata dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) con un budget di 450 milioni di euro per il periodo 2021-2027 e basata sull’esperienza delle Urban Innovative Actions della precedente programmazione 2014-2020.

Come già anticipato su EuropaFacile, il bando, indirizzato alle autorità urbane, mette a disposizione 50 milioni di euro da destinare a progetti per Azioni Innovative capaci di tradurre in realtà i valori del Nuovo Bauhaus Europeo. Verranno infatti sostenuti progetti in grado di realizzare interventi concreti che integrano i tre valori fondamentali di sostenibilità, inclusività ed estetica del Nuovo Bauhaus Europeo e che riguardano, in particolare, quattro tematiche che hanno il maggiore potenziale di generare soluzioni innovative, creare esempi per stimolare l'uso della politica di coesione nelle aree urbane e/o mobilitare fondi per la loro diffusione, ovvero:

- Costruzione e ristrutturazione all’insegna della circolarità e neutralità in termini di emissioni di carbonio
- Conservazione e trasformazione del patrimonio culturale
- Adattamento e trasformazione di edifici per creare soluzioni abitative a prezzi accessibili
- Rigenerazione degli spazi urbani

Possono partecipare al bando le autorità urbane di unità amministrative locali dell’UE, oppure associazioni di autorità urbane con status giuridico di agglomerati organizzati o non, classificate come città, paesi o sobborghi (codici 1 o 2 della classificazione DEGURBA) e che abbiano almeno 50.000 abitanti.

Ciascun progetto deve avere una durata non superiore a 3,5 anni e potrà essere cofinanziato dal FESR all’80% dei costi totali ammissibili per un massimo di 5 milioni di euro.

 

avviso:

Bandi Europei
Europa Creativa - CULTURA: bando per progetti di cooperazione europea (CREA-CULT-2023-COOP) Scadenza 23/02/2023

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Digitalizzazione, Cultura e turismo
Data bando: 23/11/2022
Data di scadenza: 23/02/2023

Sostegno a progetti di cooperazione transnazionale che coinvolgono organismi attivi nei settori culturali e creativi di differenti Paesi per realizzare attività settoriali o intersettoriali.
I progetti possono riguardare tutti i settori della cultura e creatività ad esclusione dell’audiovisivo (non sono ammissibili progetti che coinvolgono esclusivamente organismi del settore audiovisivo o i cui contenuti riguardino esclusivamente l’audiovisivo).

Vengono sostenute tre categorie di progetti:
- Progetti di piccola scala che coinvolgono almeno 3 soggetti (il capofila di progetto + 2 partner) di 3 diversi Paesi ammissibili.
- Progetti di media scala che coinvolgono almeno 5 soggetti (il capofila di progetto + 4 partner) di 5 diversi Paesi ammissibili.
- Progetti di larga scala che coinvolgono almeno 10 soggetti (il capofila di progetto + 9 partner) di 10 diversi Paesi ammissibili.

I progetti devono contribuire a uno dei due seguenti obiettivi:
1. Creazione e circolazione transnazionale, ovvero rafforzare la creazione e la circolazione transnazionali di opere e artisti europei.
2. Innovazione, ovvero migliorare la capacità dei settori culturali e creativi europei di coltivare talenti, innovare, prosperare e generare posti di lavoro e crescita.

I progetti devono inoltre riguardare almeno una (e massimo due) delle seguenti priorità:
1. Pubblico: aumentare l'accesso e la partecipazione alla cultura, nonché il coinvolgimento e lo sviluppo del pubblico sia fisicamente che digitalmente.
2. Inclusione sociale: promuovere la resilienza e migliorare l'inclusione sociale nella/attraverso la cultura, in particolare per le persone con disabilità e le persone appartenenti a minoranze e gruppi socialmente emarginati, e promuovere il dialogo interculturale.
3. Sostenibilità: in linea con il Green Deal europeo e il Nuovo Bauhaus europeo, co-creare, adottare e diffondere pratiche più rispettose dell'ambiente, nonché sensibilizzare sullo sviluppo sostenibile attraverso attività culturali.
4. Digitale: aiutare i settori culturali e creativi a intraprendere o accelerare la loro transizione digitale, anche in risposta alla crisi da COVID-19.
5. Dimensione internazionale: sviluppare la capacità dei settori culturali e creativi europei, comprese le organizzazioni di base e le micro-organizzazioni, di operare a livello internazionale.
6. Priorità specifiche settoriali, ovvero attività di capacity building, formazione e sviluppo delle competenze nei seguenti settori: musica, editoria e libro, architettura, patrimonio culturale, moda e design, turismo culturale sostenibile. L'obiettivo è promuovere talenti e migliorare le capacità imprenditoriali e di sviluppo professionale di artisti e professionisti dei settori indicati, per adattarsi a nuovi processi creativi, modelli di business e sviluppi del mercato e abbracciare la transizione digitale e ecologica. Particolare attenzione sarà posta sull'acquisizione di competenze e conoscenze inerenti:
- Imprenditorialità e sviluppo professionale (sviluppo del pubblico, marketing, promozione, distribuzione, monetizzazione, autoimprenditorialità, negoziazione di contratti e retribuzioni ecc.),
- Digitalizzazione (3D, tecnologie di Intelligenza Artificiale, big data, blockchain, Metaverso, NFT, ecc.),
- Ecologizzazione della catena del valore e modelli di business sostenibili.

I progetti nei settori musica, editoria, architettura, patrimonio culturale, moda e design, turismo culturale sostenibile possono affrontare una delle priorità di cui ai punti 1-5 e/o le priorità specifiche settoriali (per un massimo di 2 priorità). I progetti inerenti altri settori della cultura e creatività possono invece essere orientati solo alle priorità indicate da 1 a 5.

I progetti proposti devono anche contribuire alle promozione dell’inclusione, della diversità e della parità di genere, nonché della sostenibilità ambientale nei settori culturali (cross-cutting issues del programma).

Tutti i progetti devono avere una durata massima di 48 mesi.

Si prevede di finanziare complessivamente circa 130 progetti.

 

avviso:

Bandi Europei
Invito a presentare proposte 2023 — EAC/A10/2022 Programma Erasmus+ Scadenza 09/03/2023

Programma: Altre fonti di finanziamento
Tematiche: Mobilità sostenibile, Digitalizzazione, Cultura e turismo
Data bando: 29/11/2022
Data di scadenza: 09/03/2023

Sostegno a progetti riguardanti:

Azione chiave 1 - Mobilità individuale ai fini dell'apprendimento
▪ Mobilità individuale nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù
▪ Attività di partecipazione dei giovani
▪ DiscoverEU – Azione a favore dell’inclusione
▪ Scambi virtuali nel settore dell’istruzione superiore e della gioventù
▪ Mobilità del personale nel settore dello sport

Azione chiave 2 - Cooperazione tra organizzazioni e istituzioni
▪ Partenariati per la cooperazione:
- Partenariati di cooperazione
- Partenariati su scala ridotta

▪ Partenariati per l'eccellenza:
- Centri di eccellenza professionale
- Azione Erasmus Mundus

▪ Partenariati per l'innovazione:
- Alleanze per l'innovazione
- Progetti lungimiranti

▪ Sviluppo delle capacità nei settori dell’istruzione superiore, dell’istruzione e formazione professionale, della gioventù e dello sport

▪ Eventi sportivi senza scopo di lucro

Azione chiave 3 - Sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione
▪ European Youth Together

Azioni Jean Monnet
▪ Jean Monnet nel settore dell'istruzione superiore
▪ Jean Monnet in altri ambiti dell'istruzione e della formazione

Beneficiari

In generale, il bando è rivolto a qualsiasi organismo pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. Tuttavia, per ogni singola azione sopra indicata sono ammissibili organismi ben definiti come dettagliato nella “Guida al programma”.

Inoltre, i gruppi di giovani che operano nell’animazione socio-educativa, ma non necessariamente nel contesto di un’organizzazione giovanile, possono presentare candidature per la mobilità ai fini dell’apprendimento dei giovani e degli animatori socio-educativi, per le attività di partecipazione dei giovani e per l’azione DiscoverEU.

Il bando è aperto a enti stabiliti negli Stati UE e nei Paesi terzi associati al programma (voce "Aree geografiche" a fondo scheda). Alcune azioni sono aperte anche a organismi di Paesi terzi non associati al programma. Per conoscere la corrispondenza tra azioni e Paesi ammissibili si veda la "Guida al programma".

Entità Contributo

Variabile a seconda dell'azione (si veda la "Guida").

Modalità e procedura

Per la presentazione e valutazione delle proposte di progetto è stabilita, a seconda dell’azione, una procedura decentrata o centralizzata. Le azioni di ERASMUS+ sono infatti distinte in azioni gestite a livello nazionale attraverso le Agenzie nazionali dei Paesi partecipanti al programma, e azioni centralizzate gestite a livello europeo dall’Agenzia esecutiva EACEA. La "Guida al programma" dettaglia per ogni azione la procedura a cui è soggetta (la maggior parte delle azioni del bando è gestita a livello nazionale).

Scadenza

Azione chiave 1
- Mobilità individuale nel settore dell`istruzione superiore: 23 febbraio 2023
- Mobilità individuale nei settori dell’IFP, dell’istruzione scolastica e per adulti: 23 febbraio 2023
- Mobilità individuale nel settore della gioventù: 23 febbraio 2023; 4 ottobre 2023
- Mobilità internazionale con Paesi terzi non associati al programma: 23 febbraio 2023
- Mobilità del personale nel settore dello sport: 23 febbraio 2023
- Accreditamenti Erasmus: 19 ottobre 2023
- Discover EU a favore dell'inclusione: 4 ottobre 2023
- Scambi virtuali nel settore dell'istruzione superiore e della gioventù: 26 aprile 2023

Azione chiave 2
- Partenariati per la cooperazione nei settori dell'istruzione, formazione e gioventù presentati da ONG europee: 22 marzo 2023
- Partenariati per la cooperazione nei settori dell'istruzione, formazione e gioventù, esclusi quelli presentati da ONG europee: 22 marzo 2023; 4 ottobre 2023 (la seconda scadenza è solo per settore gioventù).
- Partenariati per la cooperazione nel settore dello sport: 22 marzo 2023
- Partenariati su scala ridotta nei settori istruzione scolastica, IFP, istruzione degli adulti e gioventù: 22 marzo 2023; 4 ottobre 2023
- Partenariati su scala ridotta nel settore dello sport: 22 marzo 2023
- Centri di eccellenza professionale: 8 giugno 2023
- Azione Erasmus Mundus: 16 febbraio 2023
- Alleanze per l'innovazione: 3 maggio 2023
- Progetti lungimiranti: 15 marzo 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore dell’istruzione superiore: 16 febbraio 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore dell’IFP: 28 febbraio 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore della gioventù: 8 marzo 2023
- Sviluppo delle capacità nel settore dello sport: 22 marzo 2023
- Eventi sportivi senza scopo di lucro: 22 marzo 2023

Azione chiave 3
European Youth Together: 9 marzo 2023

Azioni Jean Monnet
Per tutte le azioni: 14 febbraio 2023

 

avviso:

Archivio bandi

ultima modifica: 21/02/2022 - 09:47